domenica 28 dicembre 2014

Acne, Accutane, Effetti Collaterali, Rimedi Naturali.


Acne, Accutane effetti collaterali e alternative. 

L'Accutane è un potente farmaco, molto efficace nel ridurre i sintomi dell'acne nel giro di poco tempo.

L'Accutane grazie si è guadagnato molta popolarità, ed è considerato come la medicina miracolo contro l'acne.


Purtroppo come per molti farmaci, l' Accutane, oltre agli effetti benefici, presenta tutta una serie serie di effetti collaterali gravi e alcune volte permanenti.

Alcuni effetti collaterali sono lievi e tollerabili, come labbra secche, calo della lacrimazione agli occhi, sangue al naso, pelle molto secca e sensibilità al sole, assottigliamento dei capelli.


Esiste purtroppo una lunga serie di effetti collaterali più seri legati all'uso dell' Accutane che perdurano anche dopo la conclusione della terapia. 

Tra questi troviamo: dolori acuti alla schiena, alle articolazioni, reazioni allergiche acute come gli sfoghi cutanei, difficoltà della respirazione, problemi alla vista, perdita dei capelli, danni permanenti al fegato, emicranie persistenti, iperostosi scheletrica, ovvero, crescita eccessiva delle ossa della colonna vertebrale.

Nelle donne incinte l' Accutane potrebbe creare danni al feto, per questo non dovrebbe essere utilizzato in gravidanza e le donne dovrebbero evitare di rimanere incinte almeno un mese dopo aver usato l' Accutane. 


L'isotretinoin è il corrispondente generico dell'Accutane e tra i suoi effetti collaterali troviamo depressione, pensieri suicidi, tristezza, irritabilità, impulsi violenti, rabbia, perdita del piacere ... disturbi dell'umore, psicosi,..

L' Accutane funziona riducendo l'attività delle ghiandole sebacee, riducendo così la formazione dell'acne, ma durante questo processo le ghiandole sebacee e anche le funzionalità del fegato vengono danneggiate.


Quando si smette di assumere il farmaco le ghiandole sebacee della pelle riprendono a funzionare, ma il fegato non sarà in grado di bilanciare gli ormoni e prevenire l'eccessiva produzione di sebo.

L'Isotrteinoin normalizza la cheratinizzazione, aumenta il metabolismo e riduce l'infiammazione. 


Questi benefici possono essere raggiunti utilizzando alternative naturali, integratori, senza effetti collaterali. 

I cibi ricchi di vitamina A e betacarotene influiscono sulla secrezione del sebo dalle ghiandole sebacee. 

Peeling a base di papaya possono sostituire l'effetto dell' Isotrerinoin, unito ad un'attvità fisica regolare e all'assunzione di vitamina C, E, Zinco e Colostro possono aumentare la risposta immunitaria del corpo e in questo modo ridurre l'infiammazione.

L'Accutane agisce sui sintomi dell'acne ma non cura alla radice la causa, e gli effetti collaterali spesso superano i benefici, alterando le funzioni epatiche, viene sconvolto il delicato equilibrio interno e le naturali capacità di guarigione dell'organismo.


L'acne è un messaggio che il corpo manda per dirci che all'interno qualcosa non funziona più bene, una cura per l'acne deve assolutamente affrontare la causa interna, andando a risolvere  i fattori che contribuiscono all'acne e neutralzzando l'ambiente acneico, questo è l'unico modo con cui è possibile liberarsi definitivamente dall'acne.

Articolo tratto dal libro: Mai Più Acne di Mike Walden.


Per informazioni sul programma di pulizia della pelle olistico di Mike, visita: MaiPiùAcne.com

sabato 27 dicembre 2014

Le Cause del Reflusso Acido

Le cause del reflusso acido

La sindrome da reflusso acido o sindrome da reflusso gastro-esofageo (GERD), è causata da vari disturbi fisiologici, ma anche da uno stile di vita errato.

Il cibo una volta inghiottito scende attraverso la gola e giunge allo stomaco grazie a contrazioni muscolari dell'esofago. 
Nel punto in cui l'esofago si collega allo stomaco si trova le sfintere esofageo inferiore o LES, un meccanismo muscolare simile ad una valvola che si apre e si chiude a seconda della necessità grazie a contrazioni muscolari.

Lo sfintere esofageo inferiore (LES) una volta chiuso  impedisce agli acidi gastrici di risalire verso la gola attraverso l'esofago.

Se lo sfintere esofageo inferiore LES non funziona bene a causa di ipotonia, indebolimento muscolare, gli acidi contenuti nello stomaco potrebbero rifluire verso l'esofago causando la sindrome da reflusso acido GERD.

Il malfunzionamento del LES è il primo fattore che causa la sindrome  da reflusso gastro-esofageo GERD. 

In condizioni di piena salute,  il LES si rilassa solo quando il cibo deve passare dall'esofago allo stomaco, dopodichè la valvola si chiude impedendo al contenuto dello stomaco di fuoriuscire. 

Se lo sfintere esofageo inferiore LES è indebolito per qualche causa, non si chiude più correttamente, l'acido potrebbe risalire fino alla gola, causando una dolorosa e fastidiosa sensazione di bruciore, comunemente chiamata bruciore di stomaco. 

Diverse sono le cause che possono provocare un malfunzionamento del LES, tra questi possiamo citare l'invecchiamento, cause genetiche, obesità, eccessivo consumo di cibi grassi.

Fattore non meno importante che causa l'indebolimento del LES va individuato nelle abitudini alimentari, e nello stile di vita. 

Abuso di alimenti sbagliati, farmaci, e processi del sistema nervoso possono indebolire questo muscolo, contribuendo così allo sviluppo della GERD. 

Gli alimenti che possono contribuire al reflusso acido sono succo d'arancia, limoni e limonata, succo di pompelmo, pomodoro e succo di pomodoro, patate fritte, panna, caffè e tè.

Il reflusso acido può anche essere causato da un'infezione fungina a carico del colon. 

Quando la Candida albicans passa da stato di lievito a stato di fungo deprime il sistema immunitario e produce più di 79 tossine che possono essere responsabili di molti dei sintomi dovuti alla Candida, compresi i bruciori di stomaco.

Quando la Candida va fuori controllo irrompe attraverso le pareti intestinali e si diffonde in tutto l'organismo, colpendo le zone genitali, la bocca, l'esofago e altre parti del corpo.

Con la candida fuori controllo il contenuto dell'intestino tende a fermentare e a produrre gas che ritornano indietro attraverso il tenue, attraversano lo stomaco e arrivano all' esofago causando infezioni, bruciore e danni all'esofago


Articolo tratto dal libro  "Mai più Reflusso Acido" di Jeff Martin. 

Per saperne di più visita il sito: MaiPiùReflussoAcido.com

venerdì 26 dicembre 2014

Psoriasi e Alimentazione


Migliorare l'alimentazione per Guarire la Psoriasi

Modificare la propria alimentazione può fare la differenza nella guarigione della psoriasi, il corpo umano è carico di tossine provenienti dall'aria che respiriamo e dal cibo che mangiamo.
Rimuovere queste tossine è un ottimo modo per iniziare a curare la psoriasi, il modo migliore per rimuovere queste tossine è attraverso l'urina e non attraverso la pelle.

Questo è particolarmente importante per chi soffre di psoriasi.

Se hai la psoriasi, la prima cosa da fare è un cambiamento delle abitudini alimentari, iniziando a sostituire i prodotti raffinati con quelli integrali, mangiare prodotti biologici anzichè quelli trattati con pesticidi.
Se il cibo biologico è troppo costoso per le proprie disponibilità finanziarie assicurarsi almeno di lavare frutta e verdura ben per rimuovere tutte le sostanze chimiche.

Se soffrite di psoriasi abituatevi a mangiare vegetali crudi il più possibile, molti nutrienti, vitamine ed enzimi indispensabili al mantenimento della buona salute vengono distrutti dalla cottura.
Le verdure crude contengono fibre, aiutano la digestione e lo smaltimento rapido delle tossine dall'organismo, in particolare preferire fagioli, pesce, noci, verdure a foglia verde, e frutta fresca.

La frutta e la verdura consumate crude in quantità, rinforzano il sistema immunitario e diminuiscono la probabilità di sviluppare allergie.

Il corpo umano necessita di una piccola quantità di acidi grassi per funzionare correttamente.
Gli acidi grassi svolgono un ruolo nella eliminazione e riduzione delle infiammazioni.
Gli acidi grassi si trovano nel pesce nei semi di lino, e nelle verdure a foglia verde.

Sostituire il sale raffinato con il sale marini integrale, che è più naturale, e aumenterà la vostra energia, contribuendo ad alleviare i sintomi di allergie ed eruzioni cutanee.

Il sale marino integrale aumenta la protezione dalle radiazioni solari, bilancia l'acidità del corpo, fornisce all'organismo importanti minerali che aumentano la resistenza alle infezioni.

Semplicemente cambiando la propria alimentazione si fornisce al corpo l'energia e gli elementi necessari a guarire da solo da infezioni e malattie come la psoriasi, e rimanere sano per molto tempo.

Articolo tratto dal libro "Psoriasi Mai Più di Barbara Brown"

martedì 23 dicembre 2014

Come si Formano e Di Cosa Sono Fatti i Calcoli Tonsillari



I calcoli tonsillari sono costituiti da tre elementi fondamentali, ma non è necessario che siano presenti tutti e tre per la loro formazione, può succedere che una qualsiasi combinazione di due elementi porti alla formazione dei calcoli tonsillari, ma di solito tutti e tre gli elementi sono presenti.
 
L'elemento più comune dei calcoli tonsillari sono i globuli
bianchi morti, che vanno a raccogliersi nella zona vicino alla parte posteriore della bocca.
I globuli bianchi morti forniscono la materia di
base per la formazione di depositi calcificati che
costituiscono i calcoli tonsillari.
 
L'accumulo di questi globuli bianchi morti contribuisce a creare l'ambiente ideale per lo sviluppo dei calcoli tonsillari.
 
Il secondo elemento che aiuta la formazione dei calcoli
tonsillari sono i batteri orali. 
 
Questi batteri entrano in bocca assieme a cibi e bevande, e respirando
attraverso il naso o la bocca. 
Nelle giuste condizioni, i batteri orali possono creare supporto ai globuli bianchi
morti nella creazione dei calcoli tonsillari.
 
Articolo tratto dal libro: I 9 Segreti dei calcoli Tonsillari.
Come Eliminare Naturalmente i Calcoli Tonsillari e Prevenirne il Ritorno per Sempre,


lunedì 22 dicembre 2014

Come Capire se Abbiamo i Calcoli Tonsillari



Come capire se abbiamo i calcoli tonsillari.


E' possibile soffrire di calcoli tonsillari senza saperlo anche per lunghi periodi di tempo senza sintomi evidenti.

Se il problema calcoli tonsillari non viene preso in considerazione i sintomi prima o poi si fanno sentire con la tendenza ad aumentare progressivamente.

Di seguito i sintomi più comuni di calcoli tonsillari che possono presentarsi.

L'alito cattivo

L’alito cattivo può indicare la presenza dei calcoli tonsillari.
E' un sintomo a cui non viene data molta considerazione, viene associato ad una scarsa
Igiene orale o a problemi digestivi,...  si pone rimedio con un collutorio,  caramelle alla menta per rinfrescare l'alito,... e così si rischia di andare avanti trascurando il problema per molto tempo.

Con il passare del tempo i calcoli tonsillari continuano a svilupparsi, il cattivo odore
aumenta, e ci si rende conto che qualcosa non va.

Quando si è affetti da calcoli tonsillari, non vi è dolore alle tonsille.
Se sentiamo  dolore alle tonsille, può essere in corso un’infezione ed è bene in questo caso di rivolgersi al proprio medico.

La Tosse

La tosse può essere sintomo dei calcoli tonsillari o del loro inizio, molte persone considerano la tosse come un elemento di scarsa importanza.
Una tosse persistente non va assolutamente trascurata perché può essere sintomo dei calcoli tonsillari, o di altre patologie.

Mal di gola

Il mal di gola è spesso un sintomo che indica la presenza dei calcoli tonsillari.
All’inizio si possono sentire le tonsille un po' ruvide, sensazione simile a quella di un mal di gola da raffreddamento.

I comuni rimedi per il mal di gola possono offrire un temporaneo sollievo dai sintomi, ma non possono fare nulla per i calcoli tonsillari.

Senza alcun trattamento specifico mirato alla cura dei calcoli tonsillari, tutti questi sintomi continueranno ad aggravarsi.

Oltre alla tosse, al mal di gola, all'alito cattivo, vi è un altro sintomo molto comune che si può presentare ovvero la sensazione di avere un corpo estraneo nella parte
posteriore della bocca.

Questo è dovuto al fatto che i calcoli tonsillari si aggiungono alla massa delle tonsille, ostacolando la deglutizione, ed è   che a questo punto che la maggior parte di noi si rivolge al proprio medico.

Articolo tratto dal libro: I 9 Segreti dei calcoli Tonsillari.
Come Eliminare Naturalmente i Calcoli Tonsillari e Prevenirne il Ritorno per Sempre,


venerdì 19 dicembre 2014

I Migliori Rimedi Contro la Stitichezza


Alcuni dei migliori rimedi contro la stitichezza

Definita anche come stipsi, la stitichezza è un disturbo che affligge particolarmente le donne, chi soffre di stitichezza ha difficoltà ad evacuare le feci.

La difficoltà nell'evacuazione può causare dolore, le feci si presentano molto dure, spesso a pallini.

La stitichezza non è una vera malattia, è il sintomo di un problema nascosto di cui è bene parlarne con il proprio medico che sarà in grado di indicare la terapia migliore. 

Parallelamente alle terapie mediche possiamo aiutare il nostro organismo a combattere la stitichezza con alcuni rimedi naturali molto efficaci.

L'importanza dell'acqua nel risolvere la stitichezza

La stitichezza potrebbe dipendere da una scarsa idratazione, il nostro corpo ha quotidianamente bisogno di acqua, di cui bisogna bere almeno 2 litri di al giorno, così idratando costantemente l'organismo, le feci si ammorbidiranno, e l'evacuazione sarà più facile e meno dolorosa.


Alimenti contro la stitichezza


La stitichezza potrebbe dipendere anche da una alimentazione scorretta, esistono numerosi alimenti molto validi contro la stitichezza: 

I semi di lino, mangiarne due cucchiai appena svegli, e un bicchiere di acqua naturale tiepida. I semi di lino hanno proprietà emollienti, e sono in grado di aiutare il transito intestinale. 

I fichi d'india hanno  proprietà lassative, mangiarne uno al giorno, sia fresco che essiccato.

L'acqua di cocco è un lassativo naturale, inoltre possiede numerose proprietà benefiche per l'organismo, facilita la digestione, e pulisce il tratto urinario, fa abbassare i livelli del colesterolo e previene l'arteriosclerosi. L'acqua di cocco aiuta a combattere la stitichezza perchè favorisce i movimenti peristaltici e la regolarità intestinale.



I rimedi per la stitichezza e lo stile di vita


Per combattere la stitichezza bisogna seguire uno stile di vita sano, in cui l'alimentazione quotidiana è fondamentale.

Per combattere la stitichezza bisogna bere tanta acqua, fare attività fisica, la sedentarietà aggrava la stitichezza. 

Introdurre nella propria dieta alimenti ricchi di fibre come i legumi, bisogna stabilire un equilibrio tra il consumo di legumi e quello dei cereali integrali.

Anche la frutta secca è importante per combattere la stitichezza, le mandorle hanno un grande effetto emolliente oltre ad essere ricche di calcio, il consumo quotidiano di mandorle assieme alle noci, costituisce una delle principali fonti vegetali di omega3. 

La stitichezza può essere provocata da malattie ano-rettali (come le ragadi), o da quelle intestinali.

Nella maggior parte dei casi il  problema della stitichezza si risolve seguendo una dieta equilibrata e ben bilanciata, ma è sempre bene rivolgersi al proprio medico di fiducia. 

Dedicare più attenzione all'alimentazione è un passo importante nella cura della stitichezza fornire un apporto costante di acqua e di alimenti sani, consumare quotidianamente frutta e verdura fresca e di stagione, e cercare di togliere dalla propria dieta formaggi e  salumi.

Consumare meno carne rossa e preferire le carni bianche ma non più di tre volte a settimana. 

Per Approfondire: StitichezzaRimedi.net

venerdì 12 dicembre 2014

Cibi da Evitare se hai il Reflusso Acido

Reflusso acido - Cibi da evitare

Una sana alimentazione, l'astensione da certi alimenti aumentando l'assunzione di altri può fare la differenza nella risoluzione del reflusso acido, anche lo stile di vita è parte integrante e inscindibile di ogni cura olistica della malattia da reflusso gastroesofageo.

Gli alimenti giusti sono fondamentali per mantenere intatto il delicato equilibrio interno del nostro corpo.
Errate abitudini alimentari contribuiscono ad aggravare il reflusso acido, evitando certi cibi e  modificando le proprie abitudini alimentari si può migliorare la digestione e ridurre drasticamente il  reflusso acido.


Cibi che aggravano il reflusso acido:


1. Il Caffè e tutte le bevande contenenti caffeina fanno aumentare l'acidità.
Limitare il più possibile il consumo di caffè giornaliero, specialmente prima di coricarsi.

2. Le bevande alcoliche possono irritare lo stomaco e rilassare il muscolo dello sfintere esofageo, causando aumento dell'acidità e reflusso gastrico.

3. I cibi ricchi di grassi impiegano molto tempo per essere digeriti ed espulsi , e sono tra i maggiori responsabili della malattia da reflusso gastroesofageo,ad eccezione degli acidi grassi del pesce e nell'olio di pesce, che sono potenti anti-infiammatori omega-3.

4. Il cioccolato contiene grandi quantità di caffeina e grassi.
Il cioccolato può far aumentare l'acidità e mettere in difficoltà la digestione.
Meglio preferire le varietà biologiche, fondenti, e mangiarne non più di 2-3 quadratini due o tre volte a settimana.

5. Latte e derivati dovrebbero essere evitati specialmente prima di coricarsi.

6. La menta piperita, e altri tipi di menta possono peggiorare i sintomi del reflusso acido. Evita gli alimenti che contengono menta, tra cui tisane alla menta.

7. I cibi acidi come arance, pomodori, verdure crocifere come cipolle, cavolo, cavolfiore, broccoli, spinaci, cavolini di Bruxelles favoriscono il rilassamento dello sfintere esofageo, aumentando il reflusso acido.

Introdurre modifiche alla propria dieta è uno dei primi passi da fare per superare la malattia da reflusso gastroesofageo e migliorare qualità della vita.


Questo articolo è tratto dal libro "Mai più Reflusso Acido" di Jeff Martin. 

Per approfondire: MaiPiùReflussoAcido.com


martedì 2 dicembre 2014

Miracolo per l'Herpes di Laura Bayala, la soluzione definitiva per l'Herpes Labiale, Genitale e Zoster.


Miracolo per l'Herpes























Miracolo per l'Herpes  è un programma che insegna come curare qualsiasi tipo di Herpes in appena 24 ore, senza assumere pillole, creme, unguenti o altre procedure mediche.

Miracolo per l' Herpes è una terapia naturale scientificamente provata, che consente all'organismo di guarire da solo qualsiasi forma di Herpes, e di impedirne il ritorno.

Miracolo per l'Herpes consente di risolvere il problema dell' herpes eliminandone alla radice la causa. 

Il segreto di questo programma per curare l'herpes si basa sul principio per cui il virus che causa l'herpes riesce a svilupparsi in un organismo con bassi livelli di ossigeno, quindi si insegna come generare un ambiente dannoso per il virus che non ne permetta la sopravvivenza, in modo tale da invertire la malattia e permettere all'organismo di guarire da solo rapidamente.


Laura Bayala è l' autrice di Miracolo per L'Herpes ed ex sofferente di Herpes vaginale.



Miracolo per l'Herpes insegna:

  • Qual'è la causa principale dell'herpes 
  • Quali sono i primi sintomi dell'herpes in modo tale da riconoscerli e agire subito
  • Come applicare passo dopo passo il programma per eliminare qualsiasi tipo di herpes vi sia capitato
  • Come evitare il ripresentarsi dell'herpes
  • Come ridurre lo stress che favorisce la comparsa dell'herpes
  • Come applicare Miracolo per l'herpes per risolvere altri virus come salmonella, streptococco, stafilococco, senza danneggiare i batteri utili all'organismo
  • Perchè nessuno utilizza ancora questa nuova terapia
  • Quali sono gli alimenti che favoriscono l'herpes e quali lo combattono
  • Come Miracolo per l'Herpes può essere utile anche in casi di depressione, alcoolismo e diabete.



Miracolo per l'Herpes è un programma veramente rivoluzionario, eviterà di farvi spendere soldi in creme lozioni o altri trattamenti perchè mira a risolvere il problema interno che ha scatenato i sintomi dell' herpes e spiega esattamente come fare.

Chiunque soffra di qualsiasi tipo di herpes può trarre beneficio da questo manuale, un ebook in formato  PDF adatto ad essere stampato oppure scaricato su pc oppure su ebook reader, per essere letto e messo in pratica nella tranquillità della propria casa.

Per Maggiori Informazioni: Miracolo Per l'Herpes

Come Curare le Emorroidi Metodo Olistico

Come Curare la Candida

Privacy

CookiesI cookies sono piccoli file di testo che vengono installati da parte di un sito Web sul browser dell’Utente e che registrano alcune informazioni relative alla sua attività di navigazione; tali dati, se i cookies non vengono disabilitati, vengono comunicati al sito che li ha installati ogni qualvolta l’Utente torna a visitarli.Questo sito non installa in modo automatico cookies di alcun genere.Per pubblicare gli annunci uesto sito utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti quali Google. In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci al fine di utilizzare questi dati raccolti (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Uno di questi cookies utilizzato da Google è chiamato DART. L’utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per gli utenti in base alla loro visita a questo sito e ad altri siti Internet: in questo modo saranno visualizzati annunci più pertinenti sia con i temi trattati nel sito che con l’inclinazione dei visitatori. Gli utenti possono reperire più informazioni, conoscere le opzioni disponibili e scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.

Disclaimer:

Questo sito è una raccolta di informazioni su libri, rimedi e prodotti naturali utili alla soluzione delle più svariate patologie, l'autore di questo sito declina ogni responsabilità sulla validità di tali metodi o prodotti , il lettore si assume la piena responsabilità dei rischi connessi a qualunque forma di trattamento, i consigli riportati in questo sito non possono sostituire alcun trattamento medico, se sospettate di avere problemi di salute rivolgetevi al vostro medico.